21.7.2015 - BKW acquista la quota di maggioranza di Casa delle Nuove Energie

Il gruppo svizzero BKW, attraverso BKW Italia, ha acquistato la quota di maggioranza della Casa delle Nuove Energie, una società che opera nel settore del risparmio energetico e dell’energia rinnovabile con una rete di 75 punti vendita in tutta Italia.

 

BKW ha una presenza consolidata nel mercato italiano della vendita di energia elettrica attraverso la sua affiliata Electra Italia S.p.A., che fornisce annualmente ai propri clienti circa 2.000.000 MWh di energia. In Italia BKW produce energia per mezzo dei propri impianti idroelettrici ed eolici ed inoltre detiene partecipazioni in centrali a biomassa e termoelettriche a gas per una potenza installata di 560 MW e una produzione di circa 1.200.000 MWh (dati del 2014).

 

Dal 2000 (anno della liberalizzazione del mercato elettrico) Electra Italia S.p.A. fornisce energia elettrica a clienti industriali e, dal 2014, ha ampliato la sua proposta commerciale con un’offerta integrata di energia e servizi di efficienza energetica anche alle piccole e medie imprese (PMI). L’acquisizione di Casa delle Nuove Energie, nell’ottica di questa nuova offerta commerciale, mira a proporre una più ampia gamma di soluzioni di fornitura innovative a quest’ultimo segmento di clientela.

 

Il modello di business di Casa delle Nuove Energie, principalmente indirizzato alle PMI e al settore residenziale, integra in una sola offerta le diverse fasi di erogazione del servizio: vendita, progettazione, installazione, monitoraggio e manutenzione di impianti e inoltre è basato su una capillare rete di partner commerciali e tecnici in tutta Italia.

 

«Questa operazione si inserisce nel quadro strategico di BKW che sta potenziando il settore dei servizi, sia attraverso nuove acquisizioni, sia attraverso lo sviluppo di nuovi progetti con l’obiettivo di proporre soluzioni integrate a tutte le tipologie di clientela», commenta Monica Dell’Anna, direttrice della Divisione Mercato del
gruppo BKW.

 

La proposta combinata di energia elettrica, gas e servizi per l’efficienza energetica permetterà un ampliamento dell’offerta ai clienti finali, mentre la sinergia tra la rete commerciale di Electra Italia e quella di Casa delle Nuove Energie favorirà un incremento delle vendite.

 

BKW

BKW SA è un’azienda con sede a Berna attiva a livello internazionale nel settore dell’energia e delle infrastrutture. Attualmente, con le sue consociate dà lavoro a circa 3500 dipendenti. Grazie alle sue svariate competenze riunite sotto lo stesso tetto, BKW è in grado di offrire ai propri clienti in tutta la Svizzera servizi energetici globali e su misura. BKW progetta, costruisce e gestisce infrastrutture per la produzione e l’approvvigionamento energetico di aziende, privati e del settore pubblico. Con la sua rete di distribuzione, che è la maggiore della Svizzera, BKW rifornisce di elettricità un milione di persone in modo affidabile e 24 ore su 24.

BKW si assume le proprie responsabilità sociali: oltre a promuovere le energie rinnovabili, punta su una gestione efficiente delle risorse e s’impegna in programmi di ricerca per lo sviluppo di tecnologie innovative in grado di garantire un’infrastruttura di approvvigionamento sostenibile, sicura e a prova di futuro.

 

Electra Italia

Electra Italia S.p.A. è la società di vendita del gruppo BKW, che dal 2000 fornisce energia elettrica, gas e servizi energetici alle imprese italiane. È un operatore di riferimento del mercato italiano in grado di soddisfare sia le richieste delle grandi aziende che delle piccole e medie imprese, formulando offerte su misura e un servizio di assistenza dedicato e stabilendo un rapporto di partnership con i propri clienti. Electra Italia si avvale inoltre di un’offerta completa di soluzioni per l’efficienza energetica.

 

Casa delle Nuove Energie

Casa delle Nuove Energie è una società che opera nel settore dei servizi per l’energia, offrendo ai propri clienti soluzioni per aumentare l’efficienza energetica e ridurre i costi energetici. L’azienda, fondata nel 2007 a Massazza (Biella - Piemonte), ha iniziato a operare nel settore dell’energia come fornitore e installatore di pannelli fotovoltaici, in seguito ha ampliato la sua offerta per includere altri servizi. L’azienda è presente su tutto il territorio italiano con una rete di agenti e di 75 punti di vendita e fornisce infrastrutture e servizi alle piccole e medie imprese e al segmento residenziale.

La società si avvale inoltre di una fitta rete di partner commerciali e tecnici.

2.7.2013 - Cresce l’impegno nel settore idroelettrico

BKW SA acquista cinque piccole centrali idroelettriche dalla A2A, il secondo fornitore d’energia in Italia con sede a Milano. Le centrali, situate nella provincia di Brescia (Lombardia), hanno una capacità di quasi 10 MW e producono all’incirca 40 GWh di elettricità. Con l’acquisizione di queste centrali idroelettriche, BKW rafforza ulteriormente il suo impegno in Italia.

Dal 2006 BKW possiede e gestisce otto centrali idroelettriche ad acqua fluente attorno al Lago d’Iseo, in Lombardia, per una potenza installata di 42 MW. Nel 2011 BKW potenzia il suo impegno nel settore idroelettrico in Italia acquistando cinque piccole centrali in Val d’Aosta per una potenza installata complessiva di 8 MW. Con l’acquisizione di altre cinque centrali idroelettriche ad acqua fluente nella provincia di Brescia, BKW accresce ancora una volta il suo impegno, intenzionata a sfruttare le sinergie che si creeranno con la gestione comune delle centrali.Il prezzo d’acquisto ammonta a circa 40 milioni di euro.

BKW è presente sul mercato italiano da ben 13 anni. Dal 2006 le sue attività fanno capo alla società BKW Italia S.p.A. che detiene, oltre alle citate centrali idroelettriche, anche una partecipazione del 25% nella centrale a gas a ciclo combinato di Livorno Ferraris (quota BKW: 200 MW) e una partecipazione del 48% nella centrale a gas di Ortona (quota BKW: 50 MW).Inoltre, gestisce vari parchi eolici per una potenza installata complessiva di 224 MW.

 

Fonte: BKW Energie SA

 

(ANSA) 31.5.2013 - Al via centrale a ciclo combinato a Ortona

A regime produzione fino a 800 megawatt energia elettrica l'anno.

ORTONA (CHIETI) - E' stata inaugurata oggi la nuova centrale a ciclo combinato (gas/vapore) di Tamarete Energia, la societa' partecipata da BKW Italia spa, Gruppo HERA spa e Odoardo Zecca srl: con una cerimonia che ha visto la partecipazione, tra gli altri, del Presidente del Consiglio Regionale, Nazario Pagano, e del sindaco di Ortona, Vincenzo D'Ottavio, si e' dato simbolicamente avvio all'impianto che, a regime, potra' produrre fino a 800 MW all'anno di energia elettrica.

''Si tratta di un impianto - sottolinea l'amministratore delegato di Tamarete Energia, Roberto Barbano - che si integra bene nel tessuto economico locale e che oggi impiega 15 addetti, oltre a quelli dell'indotto, e che ha gia' prodotto occupazione nella fase di costruzione, con punte di 150 persone''.

La centrale e' stata autorizzata dal Ministero dell'Ambiente e dalla Regione Abruzzo, dopo una procedura che ha registrato i pareri positivi di tutti gli enti coinvolti e che e' inserita tra gli impianti del Piano Energetico Regionale del 2009.

''La centrale utilizza la tecnologia del 'ciclo combinato gas/vapore' - ha spiegato l'amministratore delegato di Tamarete Energia, Roberto Barbano - che consente la produzione di energia elettrica attraverso l'accoppiamento tra un turbogas (ovvero turbine alimentate da gas naturale) e un ciclo a vapor d'acqua, in cui il calore viene ottenuto per recupero termico sui fumi uscenti dalla turbina a gas. Le turbine a gas installate sono in grado di garantire emissioni ben al di sotto ai limiti di legge.

Tamarete non registrera' emissioni di Polveri (PTS) e di Ossidi di Zolfo (SOx), mentre gli Ossidi di Azoto (NOx) saranno abbondantemente sotto i limiti previsti dalle stringenti normative nazionali''.

Le emissioni sono monitorate dall'Arta Abruzzo. Tamarete Energia ha stipulato un accordo con il Comune di Ortona con il quale si e' impegnata a realizzare un intervento di riqualificazione del Parco Ciavocco, ovvero il rifacimento completo della discesa a mare che collega il Castello Aragonese con la costa.

L'intervento consentira' di riqualificare tutta l'area e necessitera' di lavori per circa sei mesi dalla data della stipula dell'aggiornamento della convenzione con il Comune.

 

Fonte: ANSA